Nido di sofia

Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l’ha già creata
Albert Einstein

Il Nido di Sofia è un servizio all’infanzia per bimbi dai 3 ai 36 mesi, in convenzione con il Comune di Forlì, situato in Via Dragoni 75/M all'interno del Villaggio Mafalda.
Dal 2012 l’èquipe educativa ha fondato il progetto pedagogico del nido sull’Outdoor Education, l'educazione all'aria aperta.
Lo scopo generale del progetto educativo è quello di sostenere il benessere e la salute dei bambini attraverso il dialogo quotidiano con la natura: le esperienze all’aria aperta rispondono alle loro curiosità e interessi, attivano il corpo, i sensi e la capacità di osservazione e attenzione, fondamentali per lo sviluppo dell’apprendimento, della competenza motoria e dell’autonomia. I bambini non solo imparano a riconoscere gli elementi naturali, il ciclo delle stagioni, i piccoli esseri viventi, a curare una piantina sviluppando così le basi del pensiero ecologico e scientifico, ma anche a saltare, correre, arrampicarsi senza farsi male, a distinguere i rischi dai pericoli e a collaborare con altri bambini in funzione di uno scopo comune.
Il Nido di Sofia si propone di restituire ai bambini i loro bisogni primari di natura, lentezza, riflessione, provare a fare da soli, con esperienze diversificate in base all’età.


Il progetto La Scuola sul Mare
Il progetto nasce dalla collaborazione di due cooperative: Il Millepiedi di Rimini e La Finestra di Sogliano, che hanno sentito l’esigenza di riscoprire le Pedagogie Nuove e strutturare così un metodo innovativo che sappia stimolare ed affiancare in modo armonioso la crescita di ogni bambino inteso come soggetto portatore di diritti e doveri. Tutto questo si intreccia strettamente con la metodologia outdoor che è uno dei pilastri fondamentali della Scuola.
Per noi lo spazio esterno è fondamentale per la salute psico-fisica del bambino, perché pensiamo che non esista mai un motivo per non poter stare fuori, ma che occorre sapere come vestirsi per affrontare ogni clima. Crediamo che concedere al bambino la possibilità di vivere, anche durante il periodo invernale, una parte della sua giornata all’aria aperta, diminuisca il rischio di incorrere in malattie infettive e che fortifichi il suo organismo rendendolo più capace di reagire agli sbalzi termici.
L’ambiente del mare permette ai bambini di esplorare la spiaggia, manipolare la sabbia, inventare giochi con conchiglie, acqua, legnetti, scoprire la fauna che vi ci abita, giocare col vento…
Tra i dieci diritti dei bambini di Gianfranco Zavalloni ci sono il diritto al selvaggio e il diritto alle sfumature e noi adulti abbiamo il dovere di far loro vivere esperienze autentiche e di far conoscere le meraviglie di ciò che li circonda.
Ogni gesto per noi va orientato alla bellezza per far sì che ogni bambino di oggi possa essere poi un adulto di domani, forte e completo, pronto ad affrontare la vita.

 

 

condividi
Iscriviti alla Newsletter
sarai sempre aggiornato su novità, eventi e progetti della Coop.va

Dona il tuo 5x1000

Loading…